Leggere le fiabe ai bambini: giocare con i libri, i mattoncini e i personaggi Lego Duplo. Biancaneve e i sette nani

Leggere le fiabe ai bambini giocare con i libri, i mattoncini Lego e animali e personaggi di plastica. Fiaba Biancaneve e i sette nani

Leggere ai bambini in età precoce non è un’attività affatto noiosa per i piccoli ascoltatori. Specialmente se la sfera della lettura riesce a fondersi con quella del gioco.

Prima ancora che io stessa proponessi il passaggio dalla lettura del libro alla fase ludica attraverso i contenuti narrativi, ci hanno pensato i miei due bimbi.

Quando ho letto loro la prima fiaba della tradizione europea, “I tre porcellini“, è venuto loro spontaneo prendere personaggi e animali di plastica, trattori e altri utensili giocattolo utilizzati nelle fattorie agricole, edificare costruzioni con i mattoncini Lego Duplo. Quando ho proposto la cartina “In viaggio con i tre porcellini” di LeMilleunaMappa, questa è stata immediatamente popolata con tutti gli oggetti che avevano scelto per trasporre la fiaba in un vero e proprio gioco.

La stessa cosa è avvenuta in seguito alla lettura delle fiabe “Cappuccetto Rosso” e la mappa “Cappuccetto Rosso e il sentiero nel bosco“, “Hänsel e Gretel” e la mappa “Hänsel e Gretel verso la casetta di marzapane“, “Biancaneve” e la mappa “Biancaneve. Dal castello della Regina al castello del Principe“.

A titolo esemplificativo, in questo articolo prenderò proprio “Biancaneve” come esempio di lettura-gioco.

Delle cartine della collana LeMilleUnaMappa mi ero già soffermata nel post “LeMilleunaMappa: fiabe e romanzi per ragazzi in forma di mappe illustrate da leggere (e per giocare!) di Giralangolo EDT“.

Come le altre 11 mappe, anche “Biancaneve. Dal castello della Regina al castello del Principe” è una cartina che, aperta, ha dimensioni pari a 98 x 66 cm. Il terreno di gioco ideale per dare vita (e voce!) a personaggi e animali che possono essere collocati sulla superficie ingualcibile e antistrappo.

Biancaneve dal castello della regina al castello del principe - Lemilleunamappa - EDT - Giralangolo

Joshua e Yari si divertono tanto a riprodurre la fiaba di Biancaneve muovendo i protagonisti tra castelli, dimora dei sette nani, colline, pianure e stagno.

Biancaneve-dal-castello-della-regina-al-castello-del-principe-Lemilleunamappa-EDT-Giralangolo-Lego Duplo-02

Qui sotto Biancaneve e i sette nani.

Biancaneve-dal-castello-della-regina-al-castello-del-principe-Lemilleunamappa-EDT-Giralangolo-Lego Duplo-03

Non essendoci un personaggio con un’espressione particolarmente perfida e malvagia tra quelli di Lego Duplo a disposizione, i bimbi hanno scelto di fare interpretare il ruolo della matrigna di Biancaneve a una bambolina che raffigura una strega regalata loro in occasione della festa dell’Epifania.

Biancaneve-dal-castello-della-regina-al-castello-del-principe-Lemilleunamappa-EDT-Giralangolo-Lego Duplo-04

Principe e cavallo sono stati presi in prestito dal playset “Grande Castello Reale (articolo 10577) di Lego Duplo.

Biancaneve-dal-castello-della-regina-al-castello-del-principe-Lemilleunamappa-EDT-Giralangolo-Lego Duplo-05

Con i mattonicini del playset si possono costruire diverse versioni di un castello.
Aggiungendo mattoncini di altri playset il castello può essere ampliato a piacere e in base all’estro del momento.

Biancaneve-dal-castello-della-regina-al-castello-del-principe-Lemilleunamappa-EDT-Giralangolo-Lego Duplo-06

Ovviamente il terreno di gioco finirà per ospitare altri elementi, come animali di ogni sorta, alberi, ulteriori edifici e tanto altro.

L’importante è fare scatenare la fantasia e lasciare il bambino libero di esprimersi attraverso il gioco e verbalmente, in parte condividendo con lui l’esperienza e in parte facendolo giocare da solo.

Biancaneve-dal-castello-della-regina-al-castello-del-principe-Lemilleunamappa-EDT-Giralangolo-Lego Duplo-07

Naturalmente non è indispensabile avere playset e personaggi Lego Duplo, che possono essere sostituiti da personaggi e animali di plastica di qualsiasi tipo, né le cartine LeMilleUnaMappa.

Un’alternativa divertente ed educativa è coinvolgere il bambino nelle attività creative di disegno e coloritura del paesaggio su cartoncino (es. cartoncino Bristol nel formato 100 x 70 cm), nella fabbricazione di un castello tridimensionale partendo da una scatola di cartone e da decorazioni fatte con materiali di riciclo, nella realizzazione di personaggi con rotoli di carta e stoffa, ecc.

Mediante la rielaborazione della narrazione, il bambino accresce e perfeziona le capacità cognitive e metacognitive, quali ascolto, interpretazione e comprensione del testo, memorizzazione, schematizzazione di concetti e loro sintesi,
attitudine ad analisi e categorizzazione, visione paesaggistico-panoramica, cognizione dei confini spaziali.
Una sempre più raffinata (ri)organizzazione del pensiero del bambino per accompagnare la sua crescita.

Di seguito sono elencati i libri che espongono la fiaba di Biancaneve che attualmente sono tra gli scaffali della “libreria casalinga di JoYa”.


“Biancaneve” (collana “Una Fiaba in Tasca”, Edizioni EL, 2009)

Il testo di “Biancaneve” di Edizioni EL è curato da Roberto Piumini e le illustrazioni sono di Anna Laura Cantone.

La collana “Una Fiaba In Tasca” conta tantissimi titoli e le edizioni sono riduzioni di fiabe, favole e racconti per bambini. In alcuni casi gli adattamenti risultano quantomeno accettabili se si desidera introdurre una particolare vicenda narrativa a bambini di 3-4 anni in attesa di adottare un testo più lungo. Dopo la lettura si possono aggiungere dei particolari alla storia, i bimbi apprezzeranno.

Ci sono però libri che è impossibile pensare di condensare, come per esempio i due romanzi per l’infanzia “Le avventure di Pinocchio” e “Peter Pan”: sono troppi i dettagli che si vanno perdendo e non si tratta di minuzie di poco conto.

Tra i titoli che reputo più meritevoli di “Una Fiaba In Tasca” di essere letti ai piccoli ci sono le favole di Esopo. “Biancaneve”, come altre pubblicazioni, lascia un po’ a desiderare.

La collana di EL Edizioni può essere impiegata da chi intende far fare pratica nella lettura in corsivo minuscolo. I periodi semplici si prestano alla comprensione concettuale da parte dei praticanti lettori alle prime armi.

Questo slideshow richiede JavaScript.


“Biancaneve” (collana “Le Grandi Fiabe”, RCS Libri, 2005)

I volumi della collana “Le Grandi Fiabe” uscirono, poco più di 10 anni fa, come allegato del quotidiano “Il Corriere della Sera” e nel 2005 vinsero il Premio Andersen come migliore collana.

Ho appreso (con piacere) questa notizia solo dopo avere acquistato “Le Grandi Fiabe” da una persona che le vendeva a un costo assai ridotto, in ottime condizioni come se i libri non fossero mai stati aperti e con i relativi CD audio acclusi.

Avendo precedentemente visionato un paio di volumi, mi erano parsi libri da non fare mancare alla “biblioteca casalinga” dei miei due bimbi.

Certamente il testo, per la sua lunghezza, non è adeguato a bambini molto piccoli come sono attualmente i miei (tre e due anni), sebbene il più grande mi chieda “Me lo leggi?” o “Qui cosa c’è scritto?” e abbia la pazienza di ascoltare la lettura ad alta voce fino a sei pagine alla volta.

Pur essendo una collana destinata a essere apprezzata pienamente dai miei bimbi tra qualche anno, le piacevoli illustrazioni a tratti naïf suscitano molto interesse e noto che Joshua, il più grande, cerca di imitare l’impronta stilistica dei paesaggi e di alcuni elementi naturali (es. alberi, fiori) in alcuni disegni.

Questo slideshow richiede JavaScript.


“Biancaneve e i 7 nani” (collana “Pungiglioni”, Ape Junior, 2009)

Biancaneve e i 7 nani” di Ape Junior è stato ricevuto in regalo insieme ad altri libri. Pur essendo un’edizione che non avrei scelto tra le tante disponibili, i miei bimbi ne gradiscono la lettura. Credo perché a loro piace la fiaba, poiché non si soffermano oltremodo sulle illustrazioni come accade con altri libri.

In queste tavole i personaggi hanno espressioni e fattezze “pupazzesche”, ambientazioni povere di dettagli (il che non è necessariamente un difetto. Basti pensare al bellissimo “I tre porcellini” di Raquel Méndez & Helga Bansch di Logos Edizioni, che ho recensito e mostrato qui), tavolozza di colori standard.

La scelta grafica è orientata a soddisfare il giovanissimo pubblico. Ho abituato e sto abituando i miei due bimbi a libri per l’infanzia di tutt’altro tipo e questa tecnica sobria ma ordinaria non ha finora sortito particolari effetti su di loro.

Questo slideshow richiede JavaScript.


“Tanto tanto tempo fa…” (Fratelli Fabbri Editori, 1973)

Quando avevo 4 anni (ormai nel lontano 1974) ricevetti in dono la raccolta di fiabe “Tanto tanto tempo fa…“. Gli altri due volumi della collana edita da Fratelli Fabbri Editore, “E cammina, cammina, cammina…” e “In un paese lontano lontano…“, mi furono regalati nei due anni successivi. Questi tre libri hanno accompagnato la mia infanzia e li ho conservati, sognando e sperando di poterli mostrare ai miei figli. E così è.

Ovviamente questi volumi non sono più in commercio. Ma per me il valore affettivo ed emotivo che riescono ancora a trasmettere, sull’onda dei ricordi, è inestimabile e li riapro volentieri per leggere alcune fiabe ai miei piccoli e per mostrare loro illustrazioni che, a suo tempo, ho osservato per ore e ore. Per anni e anni.

Questo slideshow richiede JavaScript.


“Biancaneve” (Rizzoli, 2011)

Di Biancaneve illustrata da Benjamin Lacombe mi riservo di trattare in un articolo futuro. Nel frattempo potete vedere alcune fotografie tratte dal libro.

Di Benjamin Lacombe potete intanto leggere l’articolo “C’era una volta…” libro pop-up di Benjamin Lacombe (Rizzoli, 2010) * Recensione e video booktrailer.

Questo slideshow richiede JavaScript.


Segui le bacheche GIOCHI DI NARRAZIONE CREATIVA, FIABE E FAVOLE e LIBRI PER BAMBINI di * Libri Di JoYa * su Pinterest!

Scrivi un commento:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...